| HOME |   | CONTATTI |   | LINKS |   | AREA RISERVATA |  
I MODULI

I nostri servizi

Rifiuti
Bonifiche Siti Contaminati
Impianti di smaltimento
Acque
Alimenti - HACCP
Sicurezza
Formazione
Approfondimenti
Osservatorio Scientifico
Software Gestione Rifiuti
 
Il segreto della resistenza dell'HIV
Secondo stime recenti dell’Organizzazione mondiale della sanità, nel mondo il numero di soggetti infetti da HIV è arrivato a 39,5 milioni. Lo sperma rimane il maggiore veicolo di propagazione, sebbene la terapia antiretrovirale HAART (highly active antiretroviral therapy) riesca a sopprimere il virus nel sangue. La persistenza del virus HIV-1 nelle cellule dei testicoli, infatti, è tale da resistere anche alle terapie antiretrovirali più efficaci. Ma ora si è scoperto perché. I ricercatori hanno dimostrato la replicazione dell’HIV all’interno delle cellule immunitarie residenti nei testicoli.
Il gruppo guidato da Nathalie Dejucq-Rainsford dell’Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale (INSERM) che ha sede a Rennes, in Francia, ha esaminato il tessuto di testicoli alla ricerca di recettori per l’HIV. Si è così trovato che tutti i recettori cellulari necessari – CD4, CXCR4, CCR5, and DC-SIGN – erano presenti nelle cellule dei testicoli e in particolare nei macrofagi. Un’ulteriore conferma di ciò si è avuta dalle colture delle stesse linee cellulari. I tessuti testicolari che in vitro mantenevano la stessa architettura di quelli in vivo e continuavano a secernere testosterone erano in grado di supportare l’infezione da HIV-1. Il virus prodotto dalla coltura si è poi dimostrato pienamente funzionale.

FONTE: www.lescienze.it

 
 


 
 
Creato da CETLab Snc ® Morandini Consulting Tutti i diritti sono riservati   P.Iva 01302030513