| HOME |   | CONTATTI |   | LINKS |   | AREA RISERVATA |  
I MODULI

I nostri servizi

Rifiuti
Bonifiche Siti Contaminati
Impianti di smaltimento
Acque
Alimenti - HACCP
Sicurezza
Formazione
Approfondimenti
Osservatorio Scientifico
Software Gestione Rifiuti
 
Tariffa idrica, la Consulta boccia il 152/2006
Il Codice ambientale è incostituzionale laddove prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi.

La tariffa del servizio di fognatura e depurazione non è un tributo, ma un corrispettivo per un servizio reso: quando l`impianto di depurazione non c`è o non funziona, la tariffa non può contemplare anche la parte destinata al servizio di depurazione e ciò anche nel caso in cui tale quota venga assegnata ad un fondo vincolato alla costruzione dell`impianto, perché l`utente non è comunque certo di poterne usufruire.

A dirlo è la Corte Costituzionale (sentenza 10 ottobre 2008, n. 335), che ha bocciato per "irragionevolezza" il 1° comma dell`articolo 14 della legge 36/1994 (cd. "legge Galli"), articolo abrogato e sostituito - in maniera analoga - dall`articolo 155 del Dlgs 152/2006 (cd. "Codice ambientale"), per il quale vale lo stesso giudizio.

(Fonte: www.reteambiente.it)
 
 


 
 
Creato da CETLab Snc ® Morandini Consulting Tutti i diritti sono riservati   P.Iva 01302030513